Paolo Castaldi, ci regala una piccola perla. Una storia molto breve ma di grande intensità. L’acquerello è stupendo, le tavole ampie e grandiose per un risultato che ricorda molto maestri indiscussi come Gipi o Manu Larcenet. La storia rievoca il tragico bombardamento della scuola a San Giovanni, località in provincia di Milano, avvenuto il 20 ottobre 1944. La purezza dei due ragazzi protagonisti della vicenza è disarmante. Due anime pure che si trovano a parlare della guerra, delle sue morti insensate. Il disincanto è commuovente come lo è la semplicità e nostalgia assoluta che trasmettono le splendide tavole che ricordano molto alcune opere di Stefano Casini, l’indimenticabile “Interperie” di Javi Rey o le ambientazioni rupestri di Gabriele Salvatores. Un piccolo grande volume quasi introvabile, che vale la pena recuperare e ammirare.

QUI la scheda dell’opera disponibile in Biblioteca.

Consulta QUI il catalogo delle Biblioteche del CSBNO. Il servizio è gratuito peccato non utilizzarlo!

Sostieni le Biblioteche!