Un’opera immensa. Capire cosa voglia dire non esser più se stessi, perdersi, riscoprirsi di nuovo e perdersi ancora. Un fumetto da leggere comprare, custodire, poichè la vita è bizzarra e se dovesse mai farci lo scherzo dell’alzheimer sarebbe uno dei pochi modi per affrontarla con leggerezza come un percorso. Forse l’ho amato perchè mi ha ricordato il mio caro nonno, mi ha ricordato la atroce, semplice, comica drammaticità di quei momenti. Indimenticabile.

Annunci