Uno dei fumetti più efferati e cupi nel panorama italiano. Penalizzato da un nome forse troppo evocativo, nasconde uno spessore comunicativo e allegorico non indifferente. Cannibalismo non solo fisico ma come rinascita, vendetta, forza, rivalsa. Un’opera a dir poco disturbante, straniante, traumatizzante. Da leggere quasi di “nascosto” per paura di apparir perversi quando la vera perversione è ben altro e molto meno celata di questa serie.

Annunci