Anche se ricorrere alla metafora del labirinto per descrivere l’esperienza di fruizione di un’opera che rasenta la perfezione grafica non è un’operazione del tutto originale, è una suggestione adatta a rendere conto di quel immenso e piacevole senso di smarrimento che si prova a leggere queste pagine.

Toppi è immenso. Un sogno ad occhi aperti. Tavole da ammirare. Ammaliante.